Presentati i nuovi agrofarmaci per il 2017

agrofarmaci
Pianta di fragola trattata con Vacciplant.
La prima parte delle novità per la difesa presentate al 28° Forum di Medicina vegetale dell’Arptra di Bari

Soluzioni innovative per la difesa fitosanitaria integrata e biologica delle produzioni orticole, floricole e ornamentali: non sempre novità vere e proprie, a volte nuovi formulati o semplici estensioni di etichetta, ma comunque di grande interesse per agricoltori, tecnici agricoli e rivenditori. Sono state presentate da 11 società agrochimiche al 28° Forum di “Medicina vegetale”, organizzato a Bari dall’Arptra-Associazione regionale pugliese dei tecnici e ricercatori in agricoltura.
Arysta LifeScience Italia
Complementare alle soluzioni attuali di protezione delle coltivazioni e capace di protezione, fra gli altri patogeni, anche contro muffa grigia, oidio e bremia, configurandosi come una soluzione ideale per la gestione di residui e resistenze, senza tempo di carenza. Sono i benefici di Vacciplant®, novità di Arysta LifeScience costituita da laminarina (estratto naturale purificato di alga marina) 45 g/l, fungicida biologico che stimola i meccanismi di difesa naturali delle piante e garantisce protezione senza residuo. L’induzione dei meccanismi di difesa avviene mediante ispessimento della parete cellulare, produzione di fitoalessine e proteine di patogenesi-PR, segnali sistemici.
Vacciplant®, indicato per la protezione, oltre che di altre colture, della lattuga da bremia e della fragola da oidio e botrite, è complementare alle soluzioni attuali di protezione delle coltivazioni, infatti può essere utilizzato o in sinergia con il trattamento chimico, per il miglior contenimento della patologia, oppure in sostituzione del trattamento chimico, garantendo una coltura, così protetta, con meno residui. Rappresenta, quindi, la soluzione ideale per la gestione di residui e resistenze, senza tempo di carenza, e costituisce la migliore alternativa per le più esigenti catene alimentari e per i coltivatori moderni.

 

Leggi l’articolo completo su Colture Protette n. 3/2017  L’Edicola di Colture Protette

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome