Sansevieria trifasciata, coltivazione e patologia

sanseveria
Sanseveria trifasciata Robusta, Futura, Moonshine
Il genere comprende circa 70 specie con le caratteristiche di erbacee perenni, acauli,con consistenti rizomi

La Sansevieria appartiene alla famiglia delle Liliacee è originaria dell’Africa occidentale, fu dedicata ad un nobile italiano Raimondo di Sangro principe di Sansevero, illuminato studioso vissuto nel 1700, dal quale ne deriva il nome. Il genere comprende circa 70 specie con le caratteristiche di erbacee perenni, acauli, con consistenti rizomi dai quali si originano rosette di foglie erette carnose appiattite o cilindriche. Di queste la specie coltivata come ornamentale è la Sansevieria trifasciata importata in Europa a metà del 1700.
La Sansevieria trifasciata si presenta con foglie lineari, lanceolate con apice acuminato leggermente concave alla base con bande trasversali verde scuro e grigio-verde su entrambe le pagine, esse possono raggiungere un’altezza variabile tra 60 e 120 cm e una larghezza di 5 cm. Nelle serre, alle nostre latitudini, la sansevieria fiorisce nei mesi di maggio-giugno gli steli fiorali sono più corti delle foglie, i fiori sono piccoli, di colore bianco verdastro delicatamente profumati, l’infiorescenza emette un liquido zuccherino vischioso. La varietà più coltivata è la “Laurentii” che rispetto alla precedente presenta un bordo giallo oro che insieme alle bande trasversali ne migliorano molto la vivacità dell’aspetto.
La Sansevieria trifasciata “Robusta” ha le foglie con le stesse caratteristiche cromatiche delle precedenti (bande trasversali verde/grigio) ma più corte al max 40/45 cm e 1-3 cm più larghe spesso viene denominata “Zebrina” simile a questa è la varietà “Futura” che si presenta con una bella bordatura gialla che la rende più vistosa della robusta. Con portamento analogo alle due precedenti è la Sansevieria trifasciata “Moonshine” il cui nome deriva dal colore grigio pallido argentato delle foglie che ricorda il chiarore della luna.
Sansevieria trifasciata “Hahanii” è una mutazione il suo portamento è compatto a rosetta con foglie lunghe al max 15 cm e 5-6 cm la colorazione delle foglie è sempre a bande trasversali alternate di verde chiaro verde scuro e grigio, la “Golden Hahanii” sempre con le stesse caratteristiche di compattezza ha le foglie percorse da bande longitudinali gialle che la rendono più decorativa rispetto alla precedente.

Leggi l'articolo completo su Colture Protette n. 7-8/2016  L’Edicola di Colture Protette

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome