Florovivaismo

Cavolo ornamentale, allargato il calendario dell’offerta

L’individuazione di nuovi areali di coltivazione e l’adozione di idonee tecniche colturali ha consentito di estendere la produzione a circa sei mesi all’anno, da settembre a febbraio

Fino a qualche anno fa la produzione di brassica ornamentale era concentrata nei mesi di dicembre e gennaio; ora la specie è passata da prodotto di nicchia a prodotto di massa e, negli ultimi anni, le produzioni campane si sono incrementate (+20-25%) a danno di altre essenze floricole. Il calendario produttivo copre circa sei mesi e inizia a settembre nelle zone floricole campane interne (provincia di Avellino); in Italia il prodotto precoce si ottiene anche in Calabria (sui monti della Sila). È possibile, inoltre, procrastinare la maturazione fino a febbraio, trapiantando in serra a metà settembre. Le produzioni precoci sono favorite dall'ottimale escursione termica che si rileva negli ambienti di coltivazione individuati.

Le richieste del mercato
 
La gran parte delle vendite avviene nel periodo natalizio; crescente la richiesta dall'estero, in particolare da Germania e Inghilterra, in virtù dell'ottima qualità del prodotto campano. Una discreta quota è anche commercializzata nella ricorrenza di San Valentino e in parte questo ornamento è impiegato nella “mazzetteria” o anche singolarmente per la preparazione di bouquet. In Italia la richiesta è ancora in gran parte orientata verso il prodotto colorato, ancora contenuta (10%) quella delle tinte naturali (bianco, rosso, rosa, lilla e bicolore). Diversamente, all'estero la domanda di prodotto colorato è decisamente più elevata (40%). Nel periodo natalizio viene esitato principalmente (80%) prodotto colorato artificialmente (rosso oppure argentato o dorato) e “glitterato” con brillantini di vario colore. Per San Valentino, invece, le proporzioni tra prodotto colorato e naturale s'invertono e si preferiscono colori più tenui. Tendenzialmente, il mercato campano richiede un prodotto con “testa” medio-grande mentre al settentrione e nei paesi del Nord Europa la domanda è orientata verso tipologie con dimensioni più contenute e la richiesta si concentra nei periodi più freddi.

Il ciclo di coltivazione
 
Il cavolo ornamentale può essere coltivato in pien'aria, in serra oppure sotto rete bianca al 50%. Quando il ciclo colturale si esplica in pieno campo la crescita è più lenta, ma la colorazione si verifica prima; questa scelta implica, comunque, una serie di rischi legati ai maggiori attacchi parassitari e agli sfavorevoli eventi meteorici (grandine in primis). La coltivazione in serra viene praticata per ritardare la colorazione; nella struttura protetta, inoltre, il ciclo di coltivazione si accorcia e si può trapiantare più tardivamente, si riducono gli attacchi parassitari e si evita il pericolo di grandinate. La coltivazione sotto rete bianca non comporta significative differenze con il pieno campo, tuttavia migliora la qualità del prodotto proteggendo le piante da eventi meteorici sfavorevoli (soprattutto dalla grandine).
 
Il trapianto
 
Circa un mese prima del trapianto, che si realizza tra la metà di luglio fino a fine agosto in pieno campo e nella prima quindicina di settembre in serra, si effettua la disinfestazione del suolo a cui seguono la distribuzione di un concime organico pellettato (2-3 q/1.000 mq), le normali lavorazioni del terreno (aratura a 40 cm ed erpicatura) e la preparazione delle prode (15-20 cm di altezza e 50 di larghezza). Poi si sistemano i paletti di altezza pari a 120 cm (due file per proda, distanziati di 150 cm sulla fila) e la rete (maglie con larghezza 15 x 17 cm) per il sostegno delle piante nonché le ali gocciolanti, in numero di due al centro di ogni proda. Qualche floricoltore tende ad anticipare o posticipare l'epoca di trapianto in pieno campo: nel primo caso lo scopo è quello di migliorare la qualità del prodotto (altezza ottimale dello stelo e robustezza dello stesso); nel secondo, la scelta può essere obbligata, in quanto il terreno è ancora occupato da una precedente coltura (in questo caso si rischia di arrivare alla colorazione con un prodotto di dimensioni insufficienti). La pianta è pronta per il trapianto quando presenta 2-3 foglie vere (circa 20-25 giorni dopo la germinazione del seme) e viene messa a dimora con una densità d'impianto pari a 30-40 piante/m2 lordo (Fig. 1 e 2), lasciando corridoi tra le prode della stessa larghezza delle stesse. È possibile anche aumentare la densità (fino a 50 piante/m2 lordo) di coltivazione se si vuole ottenere un prodotto con “testa” più piccola che è apprezzato dai mercati del Nord Europa e consente anche di ridurre i costi di trasporto. Considerato che il trapianto si esegue nel periodo estivo, l'irrigazione assume un'importanza notevole soprattutto in pien'aria e nei primi periodi di coltivazione. L'insufficiente apporto irriguo può causare raccorciamenti degli internodi, ingiallimenti e rotture delle foglie. Ristagni idrici, invece, possono diffondere funghi e batteri che sono in grado di provocare anche la morte della pianta. L'impiego dell'impianto d'irrigazione a goccia risulta ottimale e va supportato da opportune lavorazioni al terreno, che hanno il fine di migliorarne la struttura, per permetterne un adeguato e costante sgrondo dell'acqua in eccesso.

Fertirrigazione
 
Per quanto riguarda le esigenze nutritive, il cavoletto orna
mentale cresce in condizioni ottimali se il pH del substrato presenta valori compresi tra 5,8 e 6,5. Se il valore di alcalinità è elevato, per correggerlo è importante utilizzare acido nitrico o fosforico, secondo le esigenze. Oltre la concimazione di fondo, eseguita con apporto di pellettati, s'interviene con la fertirrigazione. La prima concimazione deve avvenire a 7-10 giorni dal trapianto, con un concime ad alto titolo in fosforo (es. 5:45:10 + microelementi) per favorire la radicazione delle piantine, con dosi variabili secondo la qualità dell'acqua d'irrigazione. Seguono 4-5 interventi con nitrato di calcio e 1-2 interventi nella fase conclusiva del ciclo con un concime equilibrato (tipo 20:20:20 + microelementi) e con nitrato di potassio. L'EC, durante l'intero periodo di crescita deve essere contenuta sempre entro valori compresi tra 1.0 e 2.5 mS/cm. Si suggerisce l'impiego di fitoregolatori quando il trapianto è avvenuto con eccessivo anticipo, o in concomitanza con un autunno particolarmente caldo; le alte temperature, infatti, favoriscono l'allungamento degli internodi e squilibrano la pianta in altezza. Nel corso del ciclo colturale la rete di sostegno va sollevata a intervalli di circa 10 giorni e sarebbe opportuno effettuare un intervento di pulizia delle foglie basali (vecchie e/o danneggiate). Questa operazione, effettuata in campo, oltre a favorire il passaggio d'aria ed evitare attacchi parassitari, facilita la cicatrizzazione delle ferite provocate dall'asportazione delle foglie. Quando l'eliminazione delle foglie è fatta al momento della selezione, gli steli posti in acqua per la conservazione emanano un odore sgradevole causato dai parassiti (per lo più batteri) che s'instaurano sulle ferite. La raccolta è scalare ed è collegata alle richieste del mercato. Gli steli (con altezza ottimale pari a 60-70) sono raggruppati in numero di 5, legati e confezionati in buste coniche (tipo quelle per bouquet) di vario colore. Diversi parassiti, animali e vegetali, insediano la specie; nelle tabelle 1 e 2 sono riportati alcuni p.a. utilizzati per la difesa dei principali parassiti rinvenibili nelle aree di coltivazione. La colorazione delle foglie centrali avviene quando le basse temperature, influendo negativamente sulla concentrazione di clorofilla, consentono l'espressione del colore: bianco, rosa, rosso, lilla, bicolore. In presenza di una buona richiesta, per anticipare la commercializzazione del prodotto, i floricoltori non aspettano la colorazione naturale, ma raggiunta l'altezza ideale, raccolgono gli steli, effettuano una prima colorazione con fondo bianco e poi aggiungono il colore desiderato. Nell'ambito delle varietà coltivate una novità riguarda l'introduzione di varietà con foglia “arricciata” (al momento solo di colore rosso), che riscuotono un buon successo mercantile.

Allegati

Scarica il file: Cavolo ornamentale, allargato il calendario dell’offerta
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome