Agenda 2030 e orticoltura al centro delle giornate Soi

giornate soi 2021

Più di trecento esperti, due giorni di lavori, quattordici sessioni orali e dieci sessioni poster. Questi i numeri delle XIII Giornate scientifiche della Soi, società di ortoflorofrutticoltura italiana, svoltesi il 22 e 23 giugno 2021. Edagricole è stata media partner dell’evento. Il filo conduttore degli interventi è stato quello dei traguardi di Agenda 2030 per l’ortoflorofrutticoltura italiana. L’evento si è svolto in doppia modalità, in presenza e da remoto.

Ricerca e Agenda 2030

Nella giornata d’apertura, il vicedirettore generale della Fao, Maurizio Martina, è intervenuto richiamando i traguardi di Agenda 2030 per l’ortoflorofrutticoltura italiana. Martina ha evidenziato, inoltre, l’importanza della ricerca per lo sviluppo sostenibile nel settore agroalimentare. Importanti gli interventi sui temi dell’uso efficiente delle risorse, sul ruolo del miglioramento genetico e sui rapporti tra agricoltura e paesaggio. Esposte le ultime novità sulla ricerca in questi settori.

I temi trattati

Tra i tanti temi trattati, la realizzazione di alimenti funzionali mediante approcci diversi lungo la filiera produttiva, il futuro dell’utilizzo della robotica e dell’automazione nel processo produttivo. Spazio anche all’Università olandese di Wageningen, con l’intervento di Silke Hemming sull’utilizzo della robotica e dell’automazione nel processo produttivo. Infine, gli organizzatori hanno consegnato un premio per la migliore presentazione orale al giovane ricercatore Massimiliano D’imperio per il lavoro “Produzione senza suolo di rucola biofortificata in zinco”.

Agenda 2030 e orticoltura al centro delle giornate Soi - Ultima modifica: 2021-07-03T10:57:22+02:00 da Colture Protette

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome