SPECIALE DIFESA

Insetticidi, novità per il 2013

Presentati a Bari dalle società agrochimiche al 24° Forum di Medicina vegetale della Associazione regionale pugliese tecnici e ricercatori in agricoltura

Nel 2013 i produttori di colture orticole, floreali e ornamentali, in coltura protetta e in pieno campo, avranno a disposizione un più ampio ventaglio d’insetticidi, fungicidi ed erbicidi, grazie all’introduzione sul mercato di nuove sostanze attive e formulazioni innovative, alcune già registrate, altre d’imminente registrazione, presentate dalle società agrochimiche alla 24ª edizione del Forum di Medicina vegetale di Bari, organizzato dall’Associazione regionale pugliese dei tecnici e ricercatori in agricoltura - partner Europe Direct Puglia e dal Centro di ricerca e sperimentazione in agricoltura Basile Caramia di Locorotondo (Ba), con il patrocinio dell’Associazione italiana per la protezione delle piante.

In particolare, le novità già registrate riguardanti gli insetticidi sono: Applaud® Plus (Sipcam), Bayteroid® 25 EC (Makhteshim Agan Italia) e Mesurol® 200 SC (Bayer CropScience). A questi si aggiungeranno Dicarzol® 10 SP di Gowan Italia e Isonet T, nuovo dispositivo per la confusione sessuale della tignola del pomodoro (Tuta absoluta) proposto da Biogard® (Divisione di CBC Europe spa).

Sipcam

Applaud® Plus, evoluzione di Applaud® (per oltre un decennio, il formulato leader per il controllo di cocciniglie, aleurodidi e cicaline su colture mediterranee), è un insetticida regolatore di crescita (Igr - Gruppo 16 Irac, capostipite e unico rappresentante degli insetticidi inibitori della biosintesi della chitina, tipo 1) a base di buprofezin puro 25%, molecola reinclusa in Annex I ai sensi della Dir. 91/414.

Applaud® Plus viene proposto da Sipcam per la difesa di colture orticole protette (cetriolo, lattuga, melanzana, peperone, pomodoro e zucchino) da aleurodidi, alla dose di 100 g/hl (1 kg/ha), e di colture floreali e ornamentali da cocciniglie (forme giovanili in migrazione) e aleurodidi, alla dose di 150-200 g/hl (1,5-2 kg/ha). Agisce per contatto, ingestione e asfissia. Dotato di attività citotropica, blocca la crescita delle specie sensibili negli stadi pre-immaginali interferendo nei processi di formazione della chitina; può inoltre inibire l’ovodeposizione o la schiusura delle uova. Ha intervallo di sicurezza di 7 giorni (28 su lattuga). Perfettamente selettivo nei confronti dell’artropodofauna utile, manifesta elevata compatibilità in miscele semplici e complesse. Da solo e in miscela, mostra ottima selettività anche verso la coltura. Formulato come polvere bagnabile, è classificato N.

Makhteshim Agan Italia

Anche Bayteroid® 25 EC, insetticida di Makhteshim Agan Italia a base di beta-cyflutrin (25 g/l) appartenente alla famiglia dei piretroidi, costituisce l’evoluzione di un vecchio insetticida, Bayteroid® EW (infatti è costituito solo dai 2 enantiometri attivi, pari a 4 isomeri attivi, di cyflutrin, perché altri due 2 enantiomeri si sono rilevati inattivi dal punto di vista delle capacità insetticide). Agisce per contatto e ingestione interferendo in modo rapido sul sistema nervoso, principalmente a livello della trasmissione assonale degli impulsi nervosi, e mostra un veloce effetto abbattente. Ha un ampio spettro d’azione comprendente insetti ad apparato boccale masticatore e succhiante.

È registrato su patata per la difesa da tignola, nottue, dorifora, afidi (50-100 ml/hl, al massimo 0,5 l/ha, due trattamenti, 3 giorni di carenza); solo in pieno campo su cavoli (a infiorescenza, a testa e a foglia), pisello e fagiolo (anche granella), fagiolino, melanzana, cipolla, scalogno, aglio e, in pieno campo e in serra, su cetriolo e peperone da nottue, cavolaia, tripidi, tentredini, altica, afidi, cimici, aleurodidi, miridi, piralide, dorifora (50-100 ml/hl, da 0,5 a 0,7 l/ha, due trattamenti, da 3 a 7 giorni di carenza); in pieno campo e in serra su colture floreali e ornamentali da afidi, aleurodidi, larve di lepidotteri, tripidi, cetonie, maggiolino (50 ml/hl) e tortricidi del garofano (50-100 ml/hl) (sempre al massimo 0,7 l/ha, tre trattamenti). Formulato come concentrato emulsionabile (EC), ha classificazione tossicologica Xn-Nocivo e ambientale N-Pericoloso per l’ambiente.

Bayer CropScience

Mesurol® 200 SC, insetticida di Bayer CropScience a base di methiocarb (200 g/l), presenta diversi vantaggi operativi rispetto al vecchio Mesurol® 50 WP: formulazione liquida più pratica, miglior profilo tossicologico e classificazione, ottima efficacia e forte potere abbattente, perfetta selettività sulla coltura, ammissione nei disciplinari di produzione integrata.

È registrato, contro i tripidi Frankliniella occidentalis e Thrips tabaci: in serra su cetriolino, cetriolo, melanzana, peperone, pomodoro, zucchino, alla dose di 500 ml/hl (2,5 l/ha), con intervallo minimo di 14 giorni e al massimo due trattamenti all’anno; in pieno campo su cipolla, porro, aglio, scalogno, alla dose di 500 ml/hl (3,75 l/ha), con intervallo minimo di 7 giorni e al massimo due trattamenti all’anno; in serra su colture floreali e ornamentali, alla dose di 500 ml/hl (5 l/ha), con intervallo minimo di 7 giorni e al massimo due trattamenti all’anno.

La formulazione in sospensione concentrata offre, rispetto alla polvere bagnabile, numerosi benefici: maggiore praticità durante il riempimento della botte, maggiore sicurezza dell’operatore, facilità di preparazione della miscela (migliore solubilità), minor rischio di otturazione di filtri e ugelli, garantendo la stessa efficacia e selettività. È classificato Xn-N.

Gowan Italia

Massima efficacia nei confronti di tutte le forme mobili dei tripidi, ottima efficacia anche su acari ed eriofidi, azione veloce sull’insetto per contatto o ingestione, ottimo potere abbattente, buona persistenza d’azione, attività anche ad alte temperature, strumento fondamentale per la gestione delle resistenze grazie al doppio meccanismo d’azione: sono i vantaggi dell’applicazione di Dicarzol® 10 SP, insetticida-acaricida a base di formetanate 10% in attesa di registrazione da parte di Gowan Italia per il controllo dei tripidi di colture ornamentali e ortaggi: melone, cocomero, zucca (pieno campo), zucchino, cetriolo, cetriolino, peperone (serra), pomodoro, melanzana (pieno campo e serra), lattughe e altre insalate (pieno campo).

Di particolare interesse è il duplice meccanismo d’azione, poiché il formetanate ha due siti attivi: la formamidina, che inibisce nei tripidi l’enzima monoamina-ossidasi, provocando l’accumulo di altri neurotrasmettitori (norepinefrina e serotonina) e le conseguenti disfunzioni nervose, e il carbammato, che blocca l’azione dell’enzima acetilcolinesterasi a livello delle sinapsi neuronali, causando l’accumulo di acetilcolina fino alla morte dell’insetto. Rispetto al Dicarzol® 50 SP, già registrato, presenta una quantità minore di formetanate (10% contro 50%) e una classificazione tossicologica più favorevole (Xn contro T). La formulazione rimane identica: polvere in sacchetti idrosolubili

Formulato come polvere bagnabile, ha classificazione tossicologica “Non classificato” e ambientale N.

Allegati

Scarica il file: Insetticidi, novità per il 2013
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome