Concimazione equilibrata, più resa e qualità nel pomodoro

concimazione
Datterino in serra coltivato su fibra di cocco.
Bontà Sicule di Aprile Bartolomeo è un’azienda siciliana di Scicli (Rg) che con la fertirrigazione produce pomodoro

La fertirrigazione rappresenta una delle più importanti innovazioni di processo che negli ultimi anni hanno interessato il settore orticolo, ampiamente impiegata nelle colture in serra ed in diffusione anche per quelle in piena aria.
Bontà Sicule di Aprile Bartolomeo è un’azienda siciliana sita a Scicli (RG) che produce principalmente pomodoro tipologia datterino e in misura minore ciliegino in fuori suolo (su substrato di fibra di cocco) utilizzando la tecnica della fertirrigazione.
Quest’ultima, che non consiste soltanto nell’abbinamento tra l’irrigazione e la fertilizzazione, rappresenta un efficace sistema per aumentare le produzioni sia a livello qualitativo che quantitativo ed al tempo stesso razionalizzare la distribuzione dei concimi, così da abbassare le dosi e ridurre i costi di produzione contenendo notevolmente l’inquinamento dei corpi d’acqua.
Produttività
La produttività di una coltura, in senso stretto, dipende dalla fotosintesi, e per quest’ultima e più in generale per la crescita e lo sviluppo della pianta, sono fondamentali l’acqua e gli elementi nutritivi minerali.
Questi due fattori spesso sono quelli che più limitano il rendimento di una coltura, anche attraverso un peggioramento della qualità del prodotto.
La stretta interazione tra l’assorbimento dell’acqua e quello dei nutrienti è evidente, infatti, l’acqua trasporta all’interno della pianta gli elementi minerali quindi c’è un indubbio vantaggio della distribuzione dei concimi con l’acqua d’irrigazione.
Condizione importante per aumentare al massimo l’efficienza della fertirrigazione è quella di rispettare alcuni criteri nella preparazione della soluzione nutritiva che deve essere equilibrata, in modo da evitare lo sviluppo di carenze nutritive provocate da fenomeni di antagonismo nutritivo.
Esigenze fisiologiche
Occorre, inoltre, conoscere le esigenze fisiologiche delle colture, la fertilità del terreno e la qualità dell’acqua irrigua.
Spiega Bartolomeo Aprile, titolare dell’azienda: «il vantaggio principale della fertirrigazione, rispetto alla tradizionale concimazione di copertura, consiste nel poter frazionare gli apporti di fertilizzanti in copertura per mantenere il contenuto nutritivo del terreno intorno ai valori ottimali, così da evitare sia le condizioni di carenza nutritiva, sia un assorbimento minerale superiore alle effettive necessità fisiologiche della coltura. La fertirrigazione consente, inoltre, di soddisfare le esigenze nutritive delle colture man mano che queste si modificano con il progredire del ciclo colturale».
L’impianto dell’azienda Bontà Sicule consente di iniettare fino a 4 fertilizzanti più un acido a correzione. Aprile spiega il funzionamento: «si impostano i valori di pH e di conducibilità desiderati e le percentuali relative di ognuna delle soluzioni fertilizzanti dopo di che la macchina, utilizzando le informazioni provenienti dai sensori di pH e di conducibilità incorporati, inietterà le quantità di acido e fertilizzanti necessarie per mantenere costantemente l’acqua ai valori impostati dall’operatore».
Vantaggi
L’impiego della tecnica della fertirrigazione presenta numerosi vantaggi di natura operativa.
Aprile con la sua esperienza conferma che l’applicazione di una tecnica di fertirrigazione corretta consente risparmi notevoli nell’uso dei fertilizzanti e un miglioramento complessivo in rese e qualità del prodotto, permettendo inoltre un controllo più accurato nella somministrazione delle sostanze nutritive, con particolare attenzione anche agli aspetti dell’inquinamento ambientale legati a un loro uso scorretto o eccessivo. Mentre tra gli svantaggi ci sono i maggiori costi degli impianti di miscelazione e una maggiore esigenza di preparazione professionale dell’operatore.
In un’agricoltura moderna e sviluppata diventa sempre più evidente la necessità di avviare una radicale trasformazione delle pratiche di irrigazione e concimazione. L’espansione della tecnica della fertirrigazione rappresenta un nuovo modo di gestione razionale dell’acqua ma anche degli elementi nutritivi quindi della loro distribuzione. È, infatti, chiaro che stanno crescendo le esigenze degli agricoltori per un settore in continua evoluzione sempre più attento alla sostenibilità e all’efficienza del sistema, per cui si cerca di ottimizzare i processi che conducono ad un potenziamento delle produzioni in termini di qualità riducendo costi e impatto ambientale.n

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome